E’ in Egitto il più antico birrificio della storia

Sicuramente gli appassionati di birra non avranno perso la notizia che in questi giorni sta invadendo le testate tematiche di tutto il mondo. Stiamo parlando di una straordinaria scoperta archeologica avvenuta in Egitto. Una spedizione egiziano-americana avrebbe infatti rinvenuto i resti di quello che si candida a essere il più antico birrificio su grande scala conosciuto fino a oggi e datato intorno al 3.100 a.C. Ci troviamo nella zona di Abido (o Abydos), una delle due città sante dell’antico Egitto.

La ricerca ha permesso di scoprire dettagli non trascurabili sulla struttura e il funzionamento di questa specie di birrificio. Ma partiamo dall’inizio. Secondo le analisi degli archeologi, il complesso brassicolo si estendeva su una superficie di 20 metri per 2,5 metri ed era composto da otto sezioni indipendenti. Ogni sezione conteneva circa 40 vasche circolari realizzate in terracotta, disposte su due file. I contenitori, tenuti fermi da perni in argilla piantati nel terreno e disposti ad anello, erano utilizzati per riscaldare il mix di cereali e acqua, svolgendo la stessa funzione dei moderni tini di ammostamento. Presumibilmente la fermentazione avveniva nelle stesse vasche, che quindi assolvevano all’intero processo produttivo. Secondo i calcoli del dottor Matthew Adams, a capo della spedizione insieme alla dottoressa Deborah Fishak, si ipotizza che fosse in grado di garantire la produzione di ben 224 ettolitri di birra durante ogni singola cotta!

E’ doveroso ricordare tuttavia che la struttura era già stata individuata all’inizio del XX secolo da una spedizione archeologica britannica, che però non aveva approfondito gli scavi. Con il passare del tempo si erano perse le tracce della posizione del sito, in mancanza di una precisa documentazione delle sue coordinate. L’attuale missione archeologica è quindi dapprima risalita alla posizione del sito archeologico, dunque ha proceduto con gli scavi, arrivando alla sorprendente scoperta che ora sarà oggetto di ulteriori approfondimenti.

Eggià… Ci pensate? Sarebbe davvero interessante poter capire se esistono tracce delle birre prodotte in quel luogo, assolutamente utili per poter risalire alle caratteristiche arcaiche della bevanda.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *