Alessandro Borghese a caccia della cozza di Cervia

Milano Marittima (RA) – Prosegue il viaggio itinerante di Alessandro Borghese, lo chef che ogni settimana ‘mette a tavola’ quattro ristoratori diversi alla ricerca del miglior ristorante gourmet. Lo chef di ‘4 Ristoranti’, in onda su Sky Uno, è stato ospite a Cala Zingaro e al Peperittima di Milano Marittima, locali che hanno sfidato il Maré di Cesenatico e Ricci di Mare di Miramare di Rimini. Protagonista principale della sfida? La migliore cozza di Cervia e il ristorante della Riviera Romagnola che è in grado di cucinarla meglio.

A vincere la sfida come ‘miglior ristorante gourmet di uno stabilimento balneare della riviera romagnola’ è stato il Cala Zingaro di Milano Marittima, gestito dal 33enne Andrea Ravaglia che, dopo aver abbandonato il mondo della moda, ha deciso di intraprendere l’attività di ristoratore. Cavallo di battaglia del locale? Lo spaghettone cacio pepe cozze (rigorosamente di Cervia) e pesto di basilico, “ormai diventato un must nel nostro ristorante – ha dichiarato Andrea – nonché il piatto più amato e venduto”.

Andrea Ravaglia del Cala Zingaro di Milano Marittima (RA)

Per chi non ha visto la puntata, andata in onda il 29 dicembre, la classifica provvisoria ha visto Andrea con 96 punti, Monica con 89, Danilo e Piero pari merito con 85. Solo alla fine si è scoperto il giudizio di chef Borghese, che ha confermato la classifica: per Andrea 36 (9 alla location, 7 al menù, 6 al servizio, 8 al conto e 6 alla categoria special), 37 Danilo (7 alla location, 8 al menù, 7 al servizio, 8 al conto e 8 alla categoria special), 38 Monica (8 alla location, 8 al menù, 7 al servizio, 8 al conto e 7 alla categoria special) e 35 Piero (8 alla location, 6 al menù, 7 al servizio, 8 al conto e 6 alla categoria special). In totale quindi 132 per Andrea, 127 per Monica, 122 per Danilo e 120 per Piero.

“Andrea mi ha colpito perché riesce ad essere gourmet senza tradire la sua anima zingara”, è stato il commento di chef Borghese.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *