Postumia, una visita alla Regina delle Grotte

Postojna (Postumia)Giorno 1 – Eccoci al nostro primo giorno in Slovenia. Abbiamo percorso all’incirca 390 chilometri in moto e, nonostante la stanchezza, vogliamo iniziare la nostra piccola vacanza con il botto. E’ senza alcun dubbio una tra le grotte più affascinanti al mondo. Qualcuno la definisce addirittura la Regina delle grotte. Ci troviamo a Postumia, Postojna in sloveno, ad appena 35 chilometri da Trieste, nel sud-ovest della Slovenia. Sotto i nostri piedi, un intreccio sotterraneo di ben 24 chilometri di caverne e gallerie scavate dal fiume sotterraneo Piuca (Pivka). Sto parlando delle Grotte di Postumia.

Grotte di Postumia

Ingresso alla Grotte di Postumia

La nostra guida ci dice giusto due parole prima di partire: “la caverna più spettacolare fu scoperta dagli speleologi nel 1818. E già nel 1872 venne costruita una rete ferroviaria per portare i turisti a vedere questa meraviglia che oggi è patrimonio dell’Umanità dell’Unesco“. A 200 anni dalla scoperta della parte più grande delle grotte, eccoci quindi a percorrere il primo tratto del tragitto su un trenino sotterraneo su un percorso di 4 km (tra andata e ritorno) su quella che la nostra guida ci ha orgogliosamente definito “unica ferrovia sotterranea al mondo a doppio binario”.

E’ bello vedere emozionarsi i bambini di fronte a tanta meraviglia della natura, ma credetemi, è una escursione che lascia a bocca aperta anche gli adulti per la grandiosità degli ambienti  sotterranei che incontriamo. La prima parte della galleria naturale è detta grotta nera. Ci spiegano che è annerita per la benzina che qui è stata bruciata durante la seconda guerra mondiale (era deposito di carburante). Seguono poi altre sale e cunicoli per arrivare alla sala dei concerti, nota per la particolare sua acustica, oltre ad essere anche una insolita location per eventi musicali. Stalattiti, stalagmiti, vasche calcaree fino a giungere alla Galleria del Brillante, dove si trova la formazione più famosa, il simbolo stesso di queste grotte: una stalagmite di cinque metri di color bianco splendente.

Ma le grotte di Postumia sono visitate anche per l’esistenza del proteo, un piccolo anfibio di circa una trentina di centimetri, l’unico vertebrato capace di vivere in simili ambienti in Europa, la cui forma in passato lo ha reso un degno e possibile discendete dei draghi. “I protei sono praticamente ciechi, con gli occhi coperti da un leggero strato di pelle” ci racconta la guida. I pochi esemplari in esposizione nella vasca, illuminata da una debolissima luce soffusa, vengono frequentemente cambiati proprio per rimetterli nel buio del loro habitat naturale. Conclusa la visita, ci attende il trenino per rifare a ritroso il percorso di ritorno per tornare in superficie.

Veniamo ora ai dettagli dell’escursione alle Grotte di Postumia, davvero alla portata di tutti (tanto che nel nostro gruppo c’era un ragazzino in sedia a rotelle che non ha avuto alcun problema). Le grotte sono aperte tutti i giorni dell’anno, anche i festivi, dalle 9:00 alle 18:00 con partenza ogni ora. La visita, che comprende la corsa a bordo del trenino e la passeggiata lungo un sentiero, come già detto, non impegnativo, dura un’ora e mezzo. Ogni visita è accompagnata da guide che forniscono ai visitatori una presentazione dettagliata delle bellezze delle grotte in italiano, inglese o tedesco. Diversamente, all’ingresso sono disponibili audio guide in ben 17 lingue! Un piccolo suggerimento: la temperatura nelle grotte è costante durante tutto l’anno sui 10° C, perciò indossate una felpa! Se proprio proprio ve la siete dimenticata o siete capitati lì ‘per caso’ senza aver organizzato l’escursione, poco prima di salire sul trenino c’è una sorta di noleggio di mantelle in lana cotta. Ah… Il pavimento all’interno, anche se bagnato, è antiscivolo, ma mettetevi comunque delle scarpe sportive adatte al percorso 😉

Il prezzo per la visita delle sole grotte in questo periodo (28/6 – 02/9) è di euro 27,90/persona. C’è però anche la possibilità di acquistare un biglietto combinato per visitare anche il vicino castello di Castel Lueghi (Predjama), da 800 anni inespugnabile, incastrato com’è in una parete verticale di roccia alta 123 metri. Noi abbiamo optato per questa scelta al prezzo di euro 38,50/persona (se avessimo fatto due distinti biglietti, ci sarebbe costato quasi una decina di euro in più a testa).

Il castello dista pochi chilometri dalle grotte ma vi consiglio vivamente, sopratutto se siete in macchina/camper, di approfittare della navetta gratuita perché a Predjama c’è veramente un basso numero di posti auto. Pronti dunque per il prossimo racconto? Sarà proprio in questo magico e suggestivo luogo che vi accompagnerò! 😀

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *