Pan Brioche alla ricotta

Buongiorno a tutti. Mi sono resa conto che è un bel pochino che non pubblico qualche ricetta. Visto l’orario, voglio deliziarvi con dei soffici e gustosi Pan Brioche alla ricotta. La ricetta è davvero molto ma molto semplice e saranno perfetti anche per coloro che vogliono stare attenti alla linea, visto che non contengono né burro, né olio… Pronti?

In un recipiente mescolate insieme 190gr di zucchero di canna integrale grezzo e 250gr di farina di tipo 1. Proseguite quindi con l’aggiungere 8gr di lievito per dolci, 5gr di sale fino. Iniziamo ad aggiungere quindi gli elementi “liquidi” come 375gr di ricotta (io ho usato quella di mucca, ma va benissimo anche quella di pecora) e 1 uovo.

Impastare velocemente il tutto, aggiungendo un poco di farina se l’impasto dovesse risultare troppo appiccicoso. Ricavate quindi delle palline (a me ne sono uscite 12 da 60gr l’una circa). Da ogni pallina dovete ricavarne un filoncino lungo ma non esageratamente sottile (20-25cm). Ripiegatelo a “U”, quindi iniziate ad intrecciarlo.

Disponete le vostre treccine su una placca da forno ricoperta da apposita carta e spennellate con il rosso di un uovo. Per la decorazione, cospargere di zuccherini colorati oppure quello che avete in casa, tipo granella di frutta secca, scaglie di cioccolata o anche semplicemente dello zucchero di canna.

Infornare a 150° per una ventina di minuti, o comunque fino a quando non vedrete che la superficie dei vostri Pan Brioche sarà dorata.

Resteranno belli morbidi e li potrete conservare (anche fuori dal frigorifero) tranquillamente per qualche giorno. Vedrete, saranno ottimi da inzuppare nel caffellatte la mattina o, come li ha mangiati il mio compagno: tagliati a metà e farciti con della marmellata (o della crema di nocciola, perché no 😉 )

PS: Come avete visto, tra gli ingredienti io ho specificato di aver utilizzato dello zucchero di canna integrale grezzo e farina di tipo 1. Quelli raffinati li ho praticamene eliminati dalla mia dispensa. Se vi interessa e avete qualche minuto di tempo da dedicare alla lettura, vi indico qualche mio precedente post dove parlo proprio di questo.

Farina: un prodotto sulla bocca di tutti, ma quanto ne sappiamo?

Abbiamo la farina che ci meritiamo! 

Farina: cosa ne pensano gli italiani?

Zucchero: come distinguere quello ‘buono’ da quello ‘cattivo’

You may also like...

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *