Dentro le mura un “pittoresco crocevia”

Torre del Colle (PG)Si entra nel paese attraverso un arco a sesto acuto di arenaria; si attraversa un voltone sotto cui è una scala esterna su mensole e si sbocca in un pittoresco crocevia; a sinistra una casa del ‘400 con finestra in cotto e palle di arenaria murate come decorazione; più oltre, a sinistra casa pure del ‘400 con facciata adorna di due finestre sovrapposte con mostre in cotto; quella superiore con ornati a stelle (Carlo Pietrangeli).

In realtà c’è giusto qualche casa in più, rispetto alle due citate da Carlo Pietrangeli (archeologo e storico dell’arte 1912-1995), ma ad ogni modo si esce davvero dal mondo, dal momento in cui si mette piede nel piccolo borgo medievale di Torre Del Colle. Non sono conosciuta per essere particolarmente romantica e sdolcinata, ma passatemi questa descrizione, il mio primo pensiero quando sono arrivata. Qui si respira una quiete fuori dal tempo e quello che si sente, l’unico rumore, se così possiamo chiamarlo, che si sente, è solo il cinguettio degli uccellini. Null’altro, lo giuro!

torre del colle

Torre del Colle è una frazione del comune di Bevagna, un minuscolo borghetto a 250 metri sul livello del mare, racchiuso dentro le mura a pianta rettangolare di un antico castello ed è abitato da poco più di una trentina di residenti. Scoperto per caso dietro consiglio di amici, credetemi è davvero una delle “chicche” del territorio di Bevagna, posto sulla sommità di un colle, tra distese di vigneti (di Sagrantino) e ulivi.

Si lascia la macchina fuori dalle mura. Una volta entrati capirete che non potrebbe essere diversamente. Non perché le stradine siano eccessivamente strette (anche), ma perché fatti poco più di cinquanta passi, si è già arrivati alla parte opposta del borghetto. Oltrepassata la porta del castello, le case di origine medievale sono tutte in pietra a vista, con finestre e facciate decorate. C’è poi una chiesetta (dedicata a San Lorenzo) con relativo campanile, situata su una minuscola piazza che affaccia su uno spettacolare panorama sulle colline circostanti. E poi un ristorante e un bed & breakfast “diffuso”. E’ tutto qua, Torre del Colle! Naturalmente ho cenato e dormito qui, non ho resistito.

Dormire: Suite Torre Del Colle
Via Di Mezzo, 13 – Cell. 335.8355593 risponde Ivan, il padrone di casa.

Le stanze sono tutte con ingresso indipendente, ampie e la struttura in sé è da 10, davvero molto bella ma… Devo purtroppo sottolineare un “ma”: l’incredibile umidità che ho trovato nella mia camera, fa perdere moltissimi punti, purtroppo! A questo si aggiunge il bagno di dimensioni davvero ridotte (soprattutto se relazionato alla grandezza della camera): spostarsi all’interno è stato quasi come giocare a tetris. A voi giudicare se considerarlo un pro o un contro: manca il wi-fi e il cellulare non prende. Per telefonare occorre uscire fuori dalla camera. La colazione potrebbe essere curata meglio. Mi sarei aspettata qualcosa di più, ma a salvare il tutto in corner, un buonissimo tortino al cioccolato. Costo di una matrimoniale / notte: € 70,00.

Mangiare: Ristorante “Serpillo” di Daniele e Giulia Giorgetti.
Via di Mezzo 1 – Cell. 366 .7118212
Aperto tutti i giorni, escluso il lunedì, dalle ore 20:00. La domenica aperto anche a pranzo.

Situato proprio all’ingresso del borgo, appena attraversato l’arco subito sulla dx. Il locale ha mantenuto anche all’interno la muratura in pietra e questo lo rende particolarmente accogliente e romantico, ogni particolare è ben curato e il personale è giovane, molto disponibile e gentile. Vengo accompagnata al tavolo che, meraviglia delle meraviglie (io adoro queste cose!) si trova proprio fronte cucina, a vista. Chef giovani, ma preparati e davvero bravi! Dietro consiglio, la cena è iniziata con una serie di assaggi infiniti di antipasti a buffet (tra cui verdure sottolio fatte in casa, affettati nostrani, bocconcini di polenta fritti, parmigiana di melanzane, mini torte al formaggio, paté di fegato preparato in casa, pane fresco e, sopratutto una grande varietà di formaggi, non solo locali, ma anche stranieri – olandesi e francesi). € 10,00. Ho proseguito poi con una Terrina di coniglio alle erbette con insalata di lamponi (€ 13,00). Naturalmente ad accompagnare il tutto un calice di Sagrantino.

Nelle vicinanze non lasciatevi scappare una visita al Carapace di Arnaldo Pomodoro!!

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *